La fabbrica dei preti

A me quando vengono in confessione a confessarsi per i peccati di sesso, li mando via. Non mi frega niente. Li mando via, mi innervosiscono. Non le voglio più sentire queste storie.

“Ma va là”, gli dico, “tu non devi confessare i peccati di sesso, tu casomai ti devi confessare di non avere amato.

– Hai amato?

– No.

– Pentiti!!!”

La fabbrica dei preti, Giuliana Musso.

 

In scena all’Elfo Puccini di Milano fino al 19 gennaio. Trovate qui le informazioni.

preti

 

Come un fiume in scena

“Impression Sanjie Liu” è il suggestivo spettacolo – ideato da Zhang Yimou, il più famoso regista cinese, curatore della cerimonia olimpica del 2008 – che anima la notte del piccolo villaggio di Yangshuo, gioiello della provincia del Guangxi.

Dopo ogni tramonto, giochi di luce a ritmo di musica tracciano pennellate di rosso, verde, blu, oro e argento sulla tela d’acqua del fiume Li, il palcoscenico naturale per circa seicento comparse.

La narrazione regala sensazioni capaci di trasformare in sogno la magia del luogo. Fermi immagine ispirati alla pittura tradizionale cinese – piccole barche di pescatori alle cui spalle si stagliano le caratteristiche colline della zona di Yangshuo – si alternano a scene di grande impatto in cui i figuranti fendono il nero della notte ricostruendo le vicende della leggendaria cantante Sanjie Liu e raccontando la vita delle minoranze etniche che popolano questo pezzo di Cina.

[Questo pezzo è uscito su Vogue.it, impreziosito dalle foto di una bravissima fotografa]

[cincopa A8LAUnaNhDGz]