Jobsact: mi par di capire queste cose (corriggetemi, se sbaglio)

little-girl-serious-headacheRicapitolando.
Mi pare di capire che il Jobsact non tocchi l’articolo 18 per chi già gode della sua tutela.
Mi pare di capire che si tratti di una riforma che – per ora a parole – vuole introdurre un contratto a tutele crescenti per i nuovi assunti, in sostituzione dei contratti precari (“alla fine del percorso devono rimanere in piedi 2, al massimo 3 tipologie di contratto”, virgolettato di Renzi su Repubblica di ieri).
Mi pare di capire che il contratto a tutele crescenti, per quello che si sa finora, comprenderà da subito le garanzie del tempo indeterminato (malattia, maternità), anche se non comprenderà il reintegro obbligatorio nel caso di licenziamento senza giusta causa, reintegro obbligatorio che negli altri paesi d’Europa già non è previsto.
Mi pare di capire che il Jobsact voglia assicurare un indennizzo in caso di licenziamento a una generazione per cui la parola “licenziamento” all’atto pratico non ha mai avuto senso, abituata com’è a saltellare da un contratto a tempo determinato a uno co.co.co o a uno da falsa partita Iva.
Mi par di capire che i sindacati e la minoranza Pd sentano l’urgenza di gridare allo scandalo davanti a una riforma che non promette il posto a tempo indeterminato ai neoassunti, ma comunque assicura dei diritti negati dalla maggior parte delle forme contrattuali precarie vigenti e abusatissime.
Mi par di capire che molti di quelli che oggi alzano i muri contro il Jobsact qualche anno fa non disdegnassero per niente i suoi princìpi.

Se sbaglio, mi corriggerete.