Dimmi cosa mangi e ti dirò a quale Cina appartieni

Dimmi cosa mangi e ti dirò a quale Cina appartieni. O forse no? Una curiosa gallery sbircia nei piatti – nella fattispecie quelli consumati a pranzo – dei cittadini del Celeste Impero e ne racconta un po’ l’odierna variegatissima società, che ha visto acuirsi le differenze di reddito ma che non sembra aver scalfito le piuttosto omogenee abitudini alimentari.

Shan Erzai, fa il portiere. Guadagna più di 1.000 yuan (160 dollari) al mese. Mangia un menù economico con carne e verdura con una bottiglia di birra. Il tutto per 5 yuan (0,80 dollari).

Dong Song’e, si occupa di pulizie. Il suo stipendio può variare, dipende dalle circostanze. Cucina da sola a casa il pranzo che consuma al lavoro.

Shu Yong, proprietario di un’edicola. Guadagna circa 3.000 yuan (460 dollari) al mese. Il suo pranzo è preparato amorevolmente dalla moglie.

Xu Yijing, proprietaria di una boutique dal reddito variabile, influenzato dall’andamento del mercato. Pranza con gli zongzi (gnocchi di riso a forma di piramide) e con una bottiglia di tè al latte.

Li Zirui, ex studentessa di scuola superiore. Il suo stipendio mensile è di 600 yuan (92 dollari). Pranza con 7 yuan (1.10 dollari) con un menù di carne e verdura al vapore.

Li Guo, ufficiale di polizia. Guadagna 2.000 yuan (307 dollari) al mese. Il suo pranzo lo consuma presso la mensa della polizia.

Little Jie (è un soprannome) è un colletto bianco da 3.000 yuan (460 dollari) al mese. Per pranzo due porzioni di carne, una di verdure, una lattina di coca.

Luo Jun, è l’amministratore delegato di uno studio di produzione di animazioni. Grazie al suo lavoro incamera mensilmente circa 8.000 yuan (1.230 dollari). Anche lui a pranzo abbina carne e verdura, spendendo la modica cifra di 12 yuan.

Min Huang è il vice capo reparto in una piccola impresa privata. Guadagna tra i 3.000 ei 4.000 yuan (460-615 dollari) al mese. A pranzo: carne, due porzioni di verdure, un barattolo di yogurt. Spesa: 10 yuan.

Ruike Wang, 47 anni, riesce a guadagnare anche 20.000 yuan al mese e può permettersi di spendere 40 yuan per pranzo. Circa 6 dollari per un piatto di pasta e una tazza di tè.