Assalto alla Città Proibita

La tradizionale settimana di vacanza per la Festa Nazionale, il cosiddetto Golden Week, ha duramente messo alla prova la Città Proibita di Pechino. Il 2 ottobre un’orda spropositata di turisti ha preso d’assalto quella che è stata la dimora degli imperatori dalla dinastia Ming (1368-1644) alla dinastia Qing (1644-1911). Ben 122.000 persone hanno visitato il sito archeologico in grado di ospitarne un massimo di circa 60.000 al giorno.
Primo risultato: i funzionari hanno deciso che è ormai impossibile rimandare la sostituzione del sistema di biglietteria manuale con quello elettronico. “Quando il sistema di e-ticketing sarà operativo, il computer smetterà di vendere biglietti non appena il numero di visitatori raggiungerà la capacità massima del museo,” ha detto al quotidiano China Daily il vice direttore del sito, Feng Nai’en. L’iniziativa, che entrerà in vigore il prossimo anno, mira a migliorare le condizioni di visita dei turisti e soprattutto a preservare lo stato dello storico monumento.
Secondo risultato: una foto come questa.